logo

Dove Siamo

  • medico Imola
  • Indirizzo: via Imola Centro, 1
  • Provincia: BO
  • Città: Imola
  • Cap: 40026

Medico Imola

featured image

Se sei un medico di Imola e hai bisogno di far conoscere la tua attività sanitaria, puoi sfruttare questo spazio web.

Non esitare a contattarci per chiedere informazioni e risolvere eventuali dubbi in merito.

Con il nostro servizio potrai divulgare agevolmente tutte le attività svolte nel tuo studio medico di Imola, facilitando i contatti con i clienti e la diffusione delle procedure mediche attuate all’interno della tua struttura.

Contattaci





In zona puoi trovare anche:

FILIPPONE VITTORIO

VIA GOFFREDO ZACCHERINI, 19/R
40026IMOLA (BO)

Tel. 0542684877

BORZATTA GIOVAN BATTISTA

VIA EMILIA, 352
40026IMOLA (BO)

Tel. 054224354

BALBO RENZO

VIALE EDMONDO DE AMICIS, 18
40026IMOLA (BO)

Tel. 054224102

PIRAZZINI EMILIO

VIALE ZAMPIERI VESPIGNANI, 19
40026IMOLA (BO)

Tel. 054241500

FRANCO NICOLA

VIA SARAGOZZA, 15/A
40026IMOLA (BO)

Tel. 054224797

BALDUCCI ALESSANDRA

VICOLO INFERNO, 4
40026IMOLA (BO)

Tel. 054227216


Attività di medicina presso il comune di Imola

L’attività di medico a Imola viene regolarmente svolta per tutto l’arco della settimana, assicurando una copertura anche nei giorni di chiusura delle altre attività (sabato e domenica) e nei festivi, nonché negli orari notturni, grazie ad un ciclo di turni che consente ai professionisti di riposarsi e ai pazienti di trovare sempre un aiuto concreto in qualsiasi momento.

In base alla problematica sanitaria in atto, il paziente verrà indirizzato verso lo specialista di Imola di turno altamente competente e attivo nell’area, che potrà effettuare una visita adeguata, con relativi esami clinici e diagnostici necessari per ottenere una diagnosi di certezza.

Nel caso di problematiche comuni, invece, i pazienti potranno usufruire dell’attività sanitaria del medico di base di Imola, ottenendo le indicazioni terapeutiche necessarie al caso in atto.

Benché esista un servizio di pronto soccorso attivo 24 su 24, è sempre più opportuno prendere preventivamente appuntamento con un medico specialista, quando la condizione clinica non rappresenta uno stato di emergenza ma una condizione patologica che può permettersi di attendere i tempi (relativamente brevi) di un appuntamento medico concordato.

Nella maggior parte dei casi il medico generico può sopperire alla mancanza di un collega specializzato in una precisa branca, ma presenterà comunque dei limiti diagnostici che richiederanno comunque, in un secondo momento, un intervento mirato.

Questo è il motivo per cui tutte le attività mediche di Imola prevedono una differenziazione nei vari campi della medicina, atti a fornire un servizio altamente specialistic, performante ed una sicurezza diagnostica al soggetto che le richiede.

Ogni branca medica sarà inoltre contrassegnata da un iter diagnostico differente, che passa necessariamente attraverso le fasi di: visita clinica, esami diagnostici principali, esami diagnostici collaterali, diagnosi e terapia.

Per effettuare questo percorso, ogni paziente dovrà presentare l’impegnativa (ricetta) del medico curante o una richiesta effettuata dalla struttura ospedaliera da cui proviene.

Durante la visita clinica il medico raccoglie tutte le informazioni circa la vita e le abitudini del paziente (anamnesi), in modo da ricreare una sorta di cronostoria che gli permetta di iniziare a capire quali possano essere i motivi scatenanti il disturbo per il quale il soggetto si presenta.

Il medico passa quindi alla visita clinica vera e propria, durante la quale rileva e annota tutti i parametri vitali (frequenza cardiaca, frequenza respiratoria, palpazione linfonodale, stato delle mucose, etc), essenziali ad una prima stima della condizione dell’individuo.

Già la sola visita, in alcuni casi può risultare sufficiente ed esaustiva a creare un protocollo terapeutico specifico, ma nella maggior parte dei casi si richiedono invece ulteriori indagini diagnostiche di approfondimento (ecografie, radiografie, esami del sangue, esami specialistici, quali: oftalmologici, otorinolaringoiatrici, cardiologici, pneumologici, etc).

Solo quando saranno stati raccolti tutti gli esami indispensabili alla completezza del quadro clinico, il medico potrà emettere diagnosi di certezza.

E’ proprio dal referto diagnostico che parte l’impostazione della terapia mirata a combattere, eludere ed eliminare definitivamente la problematica patologica instauratasi nel paziente. In alcuni casi particolarmente gravi o incurabili, la terapia non è risolutiva ma rappresenta solo ed esclusivamente una forma di terapia coadiuvante, necessaria a mitigare i disagi di una sintomatologia persistente e stati algici continuativi, che possono danneggiare e minare il prosieguo delle attività quotidiane del paziente.

Qualche informazione su Imola

Imola è uno dei più grandi comuni della provincia di Bologna, con i suoi quasi 70mila abitanti, ed è famosa nel mondo non solo per il turismo e per l’arte, ma anche per la presenza dell’autodromo, intitolato a “”””Enzo e Dino Ferrari””””, che ora non ospita le gare di Formula 1, ma in passato è stato teatro di avvincenti duelli con protagoniste proprio le “”””rosse”””” di Maranello.

Raggiungere Imola è facilissimo sia attraverso l’autostrada adriatica, che in treno, ed anche in aereo, dati i soli 30 chilometri di distanza da Bologna. Imola è anche una delle città della ceramica, con una importante Cooperativa, che produce pavimenti in gres porcellanato, ed è attualmente il gruppo “”””leader”””” in Italia in questo settore.

Tra le cose da vedere durante una visita a Imola, c’è sicuramente la Rocca Sforzesca, risalente al “”””Duecento”””” che al suo interno ospita sia un allestimento di ceramiche medievali di grande prestigio, che una collezione di rare armi antiche. Inoltre, si può passeggiare sui suoi “”””camminamenti”””” gustando un panorama a 360° che offre la visione sia dell’Appennino che della pianura che circonda la città. Molti sono anche i palazzi nobiliari che si trovano nel suo centro storico, che in gran parte sono aperti per le visite al pubblico. Tra questi il più suggestivo è sicuramente Palazzo Tozzoni, con le sue cantine nelle quali si trova una collezione di attrezzi e strumenti legati alla civiltà contadina; nei piani superiori, invece, si trovano degli arredi splendidamente conservati. Di grande interesse è anche il Museo di San Domenico, che si trova nel chiostro di un ex convento, quello dei Santi Nicolò e Domenico, situato vicino all’omonima chiesa. In questo museo sono ospitati sia la sezione archeologica del Museo “”””Giuseppe Scarabelli””””, che la Pinacoteca Civica nella quale si trovano opere di maestri di epoche diverse, come Bartolomeo Cesi, Innocenzo da Imola, De Pisis e Guttuso.

Medicina: alcuni esempi di specializzazioni

La medicina è una professione talmente vasta e complicata da richiedere numerose specializzazioni, ovvero ulteriori percorsi di studi mirati e specifici che il medico di Imola già laureato in Medicina e Chirurgia inizia subito dopo l’abilitazione alla professione.

Tra le specializzazioni si annoverano: cardiologia, pneumologia, ginecologia, dermatologia, ortopedia, fisiatria, psichiatria e così via.

Ognuna di esse prevede un percorso formativo che consente al medico di concentrarsi esclusivamente sulla branca prescelta: l’oculista di Imola, ad esempio, approfondirà lo studio dettagliato e minuzioso di tutte le strutture e le patologie dell’occhio e delle strutture annesse, in modo da poter intervenire con particolare precisione e competenza nel caso di problematiche relative all’intero apparato oculare, con un approccio medico specialistico.

Perché viene eseguita una visita clinica medica

La visita clinica è il passo principale attraverso il quale passare per ottenere una risposta alla patologia in atto e una cura adeguata.

Durante la visita clinica il paziente viene sottoposto ad una serie di valutazioni che il medico di Imola esegue per valutare la funzionalità regolare degli apparati organici e riscontrare eventuali anomalie.

Le alterazioni di tali misurazioni possono essere conseguenza di stati transitori non patologici, così come essere invece il campanello di allarme di un problema effettivo in atto. Il medico di Imola in questo caso saprà discernere tra il primo e il secondo caso, attuando le misure preventive o terapeutiche necessarie.

Durante la visita clinica il professionista effettuerà sempre una serie di domande necessarie ad individuare la causa scatenante la patologia.

L’importanza degli esami diagnostici nella medicina

Quando un medico di Imola esegue una visita su un paziente, le informazioni ottenute con l’anamnesi e con le misurazioni degli organi vitali possono risultare insufficienti o incompleti per emettere una diagnosi.

In questi casi, quindi, il medico ordina una serie di esami diagnostici mirati che servono a completare il quadro clinico e a far luce su alcuni punti ancora oscuri.

Quasi sempre vengono richiesti degli esami del sangue completi, attraverso i quali il medico di Imola riuscirà già a stabilire in quale distretto si concentra la patologia o se vi sono infezioni in corso, insufficienze organiche, squilibri tra componenti indispensabili dell’organismo, etc.

In altri casi possono essere necessari anche esami distrettuali, come un’ecografia e una radiografia, o esami diagnostici più invasivi, come una biopsia chirurgica.

Cure mediche: terapeutiche e palliative

Una volta ottenuto un quadro patologico completo e una diagnosi specifica, il medico di Imola potrà finalmente impostare una terapia adatta.

In genere le cure mirano ad annientare la causa che ha scatenato il problema, piuttosto che la sintomatologia che crea disagio al paziente.

Il motivo di tale approccio è che una cura sintomatica risulterà, al suo termine, inutile perché non avendo rimosso la causa il quadro sintomatologico si ripresenterà tale e quale. Una cura terapeutica, invece, elimina il problema e di conseguenza anche la sintomatologia.

In alcuni casi, purtroppo, i medici di Imola si ritrovano però a somministrare cure palliative a pazienti terminali, vale a dire terapie inefficaci a rimuovere la causa ma sufficienti ad alleviare dolori fisici e sintomi correlati alla patologia che ha colpito il soggetto.